Altre importanti conferme per i Mastini

I due attaccanti Vanetti e Raimondi prolungano con i Mastini Varese Hockey.

“Non dobbiamo dimenticare le nostre origini, chi siamo e cosa rappresentiamo, indossando questa maglia e questo simbolo. Deve essere un onore per tutti”.

Ecco le dichiarazioni di Andrea Vanetti:

“Qualche giorno fa mi sono confrontato proprio con Raimondi in merito alla possibilità di rimanere a Varese. La cena con i vecchi tifosi di qualche settimana fa è stata molto importante perchè lì ho capito veramente la storia di questa squadra, dei Mastini Varese e tra i tavoli di un ristorante si respirava storia. Risentire vecchi aneddoti, riascoltare i vecchi cori, hanno fatto maturare in me ancor più il desiderio di voler continuare l’avventura con i Mastini Varese, con la speranza di poter rivedere ancora il palaghiaccio pieno. Ora però abbiamo tutti addosso una certa pressione perchè costruire un nuovo passo dopo quanto di positivo abbiamo fatto la stagione scorsa non è semplice, ma è stimolante. Molto stimolante e per questo sono rimasto qui. Una sfida intrigante, difficile ma sicuramente eccitante. Dobbiamo innanzitutto confermare tutto quanto fatto fino ad oggi. I tifosi accorsi al Palalbani nei playoff (e durante l’intera stagione) posso immaginare abbiano ora delle attese verso di noi che non dobbiamo “tradire”. Iniziare il percorso con la conferma di coach Da Rin è molto positivo perchè si riparte da un lavoro già impostato da alcuni mesi. Ripartiamo da dove siamo arrivati, continuando il percorso”.

Gli fa eco il capitano dei Mastini Varese Edoardo Raimondi:

Non ho mai avuto dubbi sulla volontà di rinnovare il contratto con i Mastini Varese. La primaria volontà è quella di consolidare quanto fatto l’anno passato e confermarsi ai livelli raggiunti, dove abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti gli avversari, offrendo emozioni. Ora, questo non sarà scontato, perchè penso che gli avversari cambieranno atteggiamento nei nostri confronti. E’ però importante prendersi le proprie responsabilità relativamente al cammino intrapreso la stagione scorsa e provare ad innalzare ulteriormente il nostro livello, indipendentemente dai nuovi possibili innesti che la società vorrà mettere a disposizione del gruppo. Un obiettivo potrebbe essere quello di chiudere la regular season in una posizione migliore e avere così un turno playoff più accessibile e puntare alle semifinali. Poi tutto sarà possibile. Lo sport insegna così. Sono onorato di essere il capitano dei Mastini Varese. Per me tutti i giorni è un orgoglio e una grande responsabilità. Voglio aiutare i miei compagni a migliorarsi e provare a spingersi oltre i propri limiti, per non accontentarsi, io per primo. Solo così possiamo non avere rimpianti. Iniziare con coach Da Rin la preparazione e la stagione non ammette più scuse. La strada è chiara e ben delineata. Nessun abuso di entusiasmo, ma piedi per terra, restando umili. Non dobbiamo dimenticarci delle nostre origini, quello che siamo, quello che rappresentiamo e di come abbiamo fatto riavvicinare un’intera città ai Mastini Varese. Una maglia con un simbolo pesante, glorioso e importante, che è un orgoglio indossare. Per tutti”.

 

Attachment